• Procedura Operativa

  • Casi particolari



  • sei in Demolizione Auto

    Colui che intende demolire un veicolo non pu˛ provvedere "in proprio" alla cancellazione dal Pubblico Registro Automobilistico (P.R.A.) ma deve consegnare il mezzo ad un centro di raccolta autorizzato oppure - nel caso in cui il mezzo venga ceduto per acquistarne un altro - al concessionario automobilistico o al gestore dell'automercato o della succursale della casa costruttrice.
    E' poi il gestore del centro di raccolta o il concessionario/automercato/succursale della casa costruttrice a provvedere alla cancellazione del veicolo dal P.R.A. attraverso la presentazione della pratica di demolizione.
    A tale scopo, si deve consegnare al centro di raccolta autorizzato o, come detto, al concessionario/automercato/succursale della casa costruttrice, insieme al veicolo da rottamare, anche le targhe, la Carta di Circolazione ed il Certificato di ProprietÓ (o Foglio Complementare), documenti necessari alla cancellazione dal P.R.A. Nel caso in cui non si abbia il possesso di uno o pi¨ dei suddetti documenti, si deve consegnare denuncia di smarrimento o di furto (o una dichiarazione sostitutiva di resa denuncia), sporta agli Organi di Pubblica Sicurezza.
    Al momento della consegna del veicolo destinato alla demolizione, il centro di raccolta - o il concessionario o il gestore della succursale/automercato - Ŕ tenuto a rilasciare al proprietario/detentore del veicolo consegnato un apposito "certificato di rottamazione" dal quale devono risultare i seguenti dati minimi: Questo certificato solleva da ogni responsabilitÓ (civile, penale e amministrativa) il proprietario del veicolo. Inoltre - come precisato dalla circolare del Ministero delle Finanze n░122/E del 11 maggio 1998 - dalla data di consegna del veicolo, dichiarata nel certificato, viene a cessare anche l'obbligo fiscale del pagamento della Tassa automobilistica, posto a carico dell'intestatario al P.R.A.. Pertanto, Ŕ importantissimo: Resta, invece, al proprietario del veicolo - intestatario o avente titolo - l'onere di effettuare "in proprio" la cancellazione dal P.R.A. nel caso di definitiva esportazione all'estero.
    Il detentore/proprietario del veicolo Ŕ tenuto a corrispondere i soli importi relativi ai costi documentati relativi alle spese di cancellazione dal PRA e di quelli relativi al trasporto(eventuale) del veicolo al centro di raccolta ovvero alla concessionaria (o alla succursale della casa costruttrice o all'automercato).

    Somme dovute per annotare la cancellazione dal p.r.a. di un veicolo Tutte le somme dovute possono essere versate allo Sportello stesso; oltre ai costi "vivi" della pratica, sono dovuti i compensi previsti, in regime di libero mercato, per il servizio di intermediazione svolto.
    Si precisa che la consegna gratuita - ad esclusione dei costi sopra indicati - del veicolo da demolire si applica per i veicoli immessi sul mercato al partire dal 1/07/2002 e solo a partire dal 1░ gennaio 2007 anche ai veicoli immessi sul mercato prima del 1░ luglio 2002.
    La cancellazione dal PRA viene, quindi, richiesta dal titolare del centro di raccolta o del concessionario (o gestore della succursale della casa costruttrice o automercato), entro trenta giorni naturali e consecutivi dalla consegna del veicolo, utilizzando le procedure dello Sportello Telematico dell'Automobilista.